Archivio mensile:Ottobre 2021

Venerdì 29 ottobre – Laboratorio esperienziale: la Meditazione Nadabrahma

Orario dalle 20 alle 21.30

Il laboratorio si svolgerà sulla piattaforma Zoom ed è gratuito per i soci.

La Nadabrahma è una potente meditazione passiva che si svolge ad occhi chiusi che può essere praticata in qualsiasi momento della giornata, da soli o in gruppo. É una semplicissima tecnica che genera uno spazio vuoto e silenzioso nel corpo e nella mente, rilassa profondamente le tensioni nervosa e muscolari e tonifica le energie vitali.
Meditazione introdotta da Roberto Di Ferdinando

Info e iscrizioni: http://www.psicoterapiaecrescitaumana.it/…/venerdi-1…/

Il costo della tessera socio è di 15 euro ed ha validità per anno solare.

Venerdì 22 ottobre – Conferenza sul tema “Consapevolezza di Se’: processi decisionali e scelte consapevoli”,

Venerdì 22 ottobre conferenza interattiva on line – piattaforma zoom sul tema “Consapevolezza di Se’: processi decisionali e scelte consapevoli”, a cura di Gabriele Nardi, psicologo e psicoterapeuta.

Consapevolezza di Sé: processi decisionali e scelte consapevoli
Solo la consapevolezza di sé, di ciò che siamo e desideriamo ci consente di dare colore al nostro vivere, di prendere posizione rispetto all’esperienze di vita, in altre parole di fare scelte consapevoli. Ma siamo davvero capaci di ascoltare ciò che si muove in noi, emozioni, bisogni e pensieri? o decidiamo in modo automatico senza tenere conto di ciò che sentiamo e vogliamo veramente?
Un incontro per riflettere e approfondire insieme su quanto siamo autenticamente protagonisti delle nostre scelte e decisioni.

Orario 20.00-22.00
Questa conferenza è gratuita e riservata agli associati, rientra nella serie di attività che l’Associazione Accademia La Via dell’Essere organizza per i proprio associati per sostenere lo sviluppo e la crescita umana.
Il costo della tessera annuale per il 2021 è di euro 15.
Per iscrizioni al laboratorio e/o all’associazione : psicoterapiaecrescitaumana@gmail.com 

Domenica 24 ottobre – Incontro di pratiche di consapevolezza mindfulness e inquiry in presenza all’aperto.

Orario: 10-16,
Facendo questi incontri interamente all’aperto questi saranno soggetti al meteo e annullati in caso di maltempo.
Vogliamo sostenere la pratica dei nostri associati e per questo proponiamo dei laboratori di sei ore , nella natura alcuni di sabato altri di domenica. Durante gli incontri verranno proposte delle
-pratiche di mindfulness,
-delle sessioni di inquiry,
-la meditazione del lavoro – un’ora di attività di cura dello spazio di natura –
-momenti di condivisione,
-la pratica del pasto consapevole, pasto che ognuno si porterà da casa.
Cercando di venire incontro a quelle che sono le criticità per alcune persone in questo momento e comprendendo quanto sia importante sostenere la pratica di consapevolezza abbiamo deciso che questi incontri saranno ad offerta libera, ognuno offrirà ciò che sente di poter lasciare nel rispetto di ciò che ha e di ciò che sente di voler dare in cambio di ciò che riceve.
Sarà richiesto un abbigliamento adeguato alla situazione .
Questi laboratori sono ad offerta libera e riservati agli associati, rientra nella serie di attività che l’Associazione Accademia La Via dell’Essere organizza per i proprio associati per sostenere lo sviluppo e la crescita umana.
Il costo della tessera annuale per il 2021 è di euro 15.

Anche se lo spazio all’aperto è grande i posti sono limitati per permettere ad ogni partecipante di avere lo spazio e la cura necessari.
Per iscrizioni al laboratorio e/o all’associazione : psicoterapiaecrescitaumana@gmail.com

Le attività in presenza sono fatte nel rispetto delle precauzioni anticontagio.

Le altre date dei nostri incontri:

domenica 7 novembre,
sabato 20 novembre .
Orario: a settembre e ottobre 10-16, a novembre 9.30-15.30.

La reazione davanti alla sofferenza

“[…] La reazione spontanea di fronte alla sofferenza e la percezione di essa dell’individuo contemporaneo è piuttosto: bisogna fare qualcosa, bisogna trovare ed eliminare la causa della sofferenza e individuare gli autori della sventura. Se poi questi vengono
trovati, allora ci si mette contro di loro in segno di protesta e gli si dimostra la propria rabbia. Infatti, l’esperienza della sofferenza esige “solidarietà”. In relazione alla sofferenza l’uomo contemporaneo non si sente tanto chiamato alla compassione, aiutando per esempio a sopportare il dolore, quanto all’azione che si propone di impedirlo. Così non deve guardare il sofferente negli occhi. Il suo sguardo viene distolto dal sofferente e rivolto, invece, ai fatti e, soprattutto, ai colpevoli. Cioè, non si considera tanto il sofferente, quanto invece si cerca di percepire la “causa” della sofferenza, visto che il principio è: la sofferenza non va sopportata, tollerata o accettata, ma va eliminata. Il fatto che la
sofferenza ci sia “ancora”, dice il Moderno, è un accusa al mondo e una condanna alle sue relazioni, mentre solo un mondo e una società in cui nessuno soffre sono un mondo umano e una società umana.
Il programma del Moderno è quindi utopico, anzi lo si potrebbe anche definire, in parole povere, illusorio o fallace. L’essere umano che si attribuisce la competenza e il potere per liberare il mondo dalla sofferenza, dimentica di essere mortale e che la vita ha un termine. Può essere che si tratti di questo: che la disposizione all’azione copra ciò che nessuna azione può eliminare dal mondo. […]”
(Gerd B. Achenbach)

Sabato 9 ottobre –  Incontro di pratiche di consapevolezza mindfulness e inquiry in presenza all’aperto.

Orario: 10-16,
Facendo questi incontri interamente all’aperto questi saranno soggetti al meteo e annullati in caso di maltempo.
Vogliamo sostenere la pratica dei nostri associati e per questo proponiamo dei laboratori di sei ore , nella natura alcuni di sabato altri di domenica. Durante gli incontri verranno proposte delle
-pratiche di mindfulness,
-delle sessioni di inquiry,
-la meditazione del lavoro – un’ora di attività di cura dello spazio di natura –
-momenti di condivisione,
-la pratica del pasto consapevole, pasto che ognuno si porterà da casa.
Cercando di venire incontro a quelle che sono le criticità per alcune persone in questo momento e comprendendo quanto sia importante sostenere la pratica di consapevolezza abbiamo deciso che questi  incontri saranno ad offerta libera, ognuno offrirà ciò che sente di poter lasciare nel rispetto di ciò che ha e di ciò che sente di voler dare in cambio di ciò che riceve.
Sarà richiesto un abbigliamento adeguato alla situazione .
Questi laboratori sono gratuiti e riservati agli associati, rientra nella serie di attività che l’Associazione Accademia La Via dell’Essere organizza per i proprio associati per sostenere lo sviluppo e la crescita umana.
Il costo della tessera annuale per il 2021 è di euro 15.

Anche se lo spazio all’aperto è grande i posti sono limitati per permettere ad ogni partecipante di avere lo spazio e la cura necessari.
Per iscrizioni al laboratorio e/o all’associazione : psicoterapiaecrescitaumana@gmail.com

Le attività in presenza sono fatte nel rispetto delle precauzioni anticontagio.

Le altre date dei nostri incontri:

domenica 24 ottobre,
domenica 7 novembre,
sabato 20 novembre .
Orario: a settembre e ottobre 10-16, a novembre 9.30-15.30

Tutto dipende dal modo che scegliamo di vedere le cose

“[…] devi capirlo: che le cose sono una vite che continua a girare, senza fine, che procura tristezza e dolore. E il tuo continuo lamentarti del tuo destino, aumenta solo la tua infelicità. Ti togli a priori la possibilità di sorridere di qualcosa e in questo modo persino il tuo mal di stomaco peggiorerà. Se tu avessi un amico il quale si lamentasse amaramente anche lui di tutto, cercheresti senza dubbio di calmarlo e di fargli vedere il mondo sotto un’altra luce. Perché allora non provi ad essere amico anche di te stesso? Dico seriamente, ci si dovrebbe volere
po’ di bene, perché spesso tutto dipende dal modo che scegliamo di vedere le cose. […].
Bisogna prendere partito per se stessi e non contro. E come se fossimo degli eloquenti avvocati che, se vogliono, possono trovare anche dei motivi per essere soddisfatti.
Ho sempre notato che gli esseri umani si lamentano del loro lavoro senza pensare e, a volte, quasi per compiacenza. Se però si spingesse poi a parlare non di quello che devono sopportare della loro professione, ma di quello che in essa sono in grado di fare, diventerebbero degli accesissimi poeti.
Prendiamo un esempio: piove leggermente, siete per strada, aprite l’ombrello. È sufficiente. A che serve aggiungere il tipico commento: “ancora questa pioggia!”. Non serve a eliminare la pioggia, né le nuvole e neppure il vento. Perché allora non dire: “ma che bella pioggerella!”. Certo, direte, questo commento non servirà contro la pioggia, ma a voi sì: ne sarete riscaldati, perché è proprio questo l’effetto della piccola gioia, e vi  troverete quindi nella situazione in cui, anche se piove, non vi raffredderete.
Prendete ora gli altri esseri umani così come la pioggia. Non è così facile, direte. Eccome! Con le persone è persino più semplice che con la pioggia! Perché se la pioggia non vi regala un sorriso sulle labbra, le persone invece sì. La gentilezza degli altri, infatti, si lascia spesso ricambiare con un sorriso e questo rende le cose meno tristi e meno noiose. Prescindendo poi dal fatto che trovate molto facilmente delle scuse per voi stessi se provate a verificare in voi stessi almeno una volta. Marco Aurelio si diceva ogni mattina: “oggi incontrerò qualche chiacchierone bugiardo e noioso, ma è così solo a causa della sua ignoranza”.
(Émile-Auguste Chartier, detto Alain)