Conferenza esperienziale di presentazione Corso Mindfulness Based Interventions

Sabato 11 dalle 16 alle 18 e lunedì 13 dalle 20 alle 22 verrà presentato il corso MBI- Mindfulness Based Interventions- per la riduzione dell’ansia e dello stress, che partirà il 14 marzo.
Verranno proposte delle esperienze di pratica e ci sarà spazio per fare domande.
L’ingresso alle conferenze di presentazione è libero su prenotazione – via mail psicoterapiaecrescitaumana@gmail.com oppure al 3396788142.
Gli inteventi basati sulla mindfulness, MBI, per la riduzione dell’ansia e dello stress, hanno un’efficacia ormai comprovata dalle innumerevoli ricerche scientifiche fatte negli ultimi decenni. Possiamo affermare, con soddisfazione, che questo tipo di approccio è riuscito ad avvicinare i mondo delle pratiche contemplative e meditative al mondo scientifico; questo sta portando sempre di più a riscoprire l’antica visione di unità mente-corpo, con notevoli risvolti per le possibili applicazioni di questo programma (MBI) in ambito medico oltre che psicologico.
Di cosa si tratta?
L’intervento mindfulness based è un programma basato su pratiche meditative e di consapevolezza , con l’ausilio di concetti psicologici e neurofisiologici, per insegnare alle persone a prendersi cura di se stesse in modo efficace ed a vivere una vita più sana, riducendo l’ansia e lo stress.
La mindfulness aiuta a sviluppare attenzione e flessbilità psicologica, ad essere presenti, a sperimentare, ad ascoltarsi, a dedicarsi spazio , ad essere creativi .
Possiamo dire che negli ultimi decenni lo stile di vita adottato ha portato le persone a sentirsi costantemente stressate, attivate nel dover fornire prestazioni, perdendo spesso di vista il senso di tutto il nostro fare , o della stessa vita. Siamo immersi nelle nostre “catastrofi quotidiane”.
Il problema è che non esiste un farmaco che possa renderci immuni allo stress e al dolore , che sia in grado di risolverci magicamente i problemi della nostra vita.
” Muoverti verso la guarigione e la pace interiore richiede uno impegno da parte tua. Significa imparare a lavorare proprio con quelo stress e con quel dolore di cui ti vuoi liberare” ….. ” alla fine affrontare i problemi nella vita è l’unico modo per superarli”.( J.K. Zinn, 2010).
Alcuni dei doni che la Mindfulness offre sono proprio quelli di aiutarci a riconoscere che abbiamo a disposizione delle scelte riguardo a come rispondere, piuttosto che reagire, ad ogni genere di situazione stressante per noi, e di accedere a quella capacità innata di autoguarigione che ognuno di noi ha.
In cosa consiste? I praticanti della mindfulness assumono il ruolo di osservatori delle proprie:
– Sensazioni fisiche
– Pensieri
– Stati mentali
– delle relazioni che intercorrono tra essi
A che cosa serve? I principali effetti benefici includono:
– Diventare PIU’ CONSAPEVOLI delle proprie reattività e pregiudizi
– Sviluppare un’ATTITUDINE PIU’ ACCOGLIENTE e meno giudicante nei confronti delle proprie esperienze interne, anche le più sgradite e spaventose
– Imparare a GESTIRE e eventualmente ELABORARE le “emozioni disturbanti”
– Coltivare una maggiore EQUANIMITA’ che nasce dalla calibrazione tra disciplina e accettazione
– Favorire un senso di maggiore AUTENTICITA’ e REALIZZAZIONE di sé
In ambito clinico: Comprovati effetti positivi su
:• Dolori cronici (Reiner, Tibi, & Lipsitz, 2013; Rosenzweig , 2010; Minor, Carlson, Mackenzie,Zernicke, Jones, 2006; Surawy, Roberts, Silver, 2005)• Malattie cardiovascolari (Sullivan, Wood, Terry, Brantley, Charles, McGee, Johnson, et. al.,2009; Carmody, 2009; Shigaki, Glass, Schopp, 2006; Gross, Kreitzer, Russas, Treesak, Frazier, Hertz, 2004)
• Cancro (Carlson, Doll, Stephen, Faris, Tamagawa, Drysdale, & Speca, 2013; Lengacher et al., 2012 Sheila, 2012; Virginia, 2012; Matchim et al., 2011; Matousek et al., 2011; Carlson et al., 2007; Ott et al., 2006; Angen, 2006; Carlson, Garland, 2005)
• Malattie polmonari (Gross, Kreitzer, Russas, Treesak, Frazier, Hertz, 2004)• Ipertensione (Hughes, Fresco, Myerscough, van Dulmen, Carlson, & Josephson, 2013; Smith,2004)
• Cefalea (Shigaki, Glass, Schopp, 2006)
• Disturbi del sonno (Andersen, Wurtzen, Steding-Jessen, Christensen, Andersen, Flyger, et. al.,2013; Winbush, Gross & Kreitzer, 2007; Heidenreich et al., 2006; Lundh, Lars-Gunnar, 2005; Bootzin,Stevens, 2005; Shapiro, Shauna Bootzin, Figueredo, Lopez, Schwartz, 2003)
• Ansia e attacchi di panico (Hoge, Bui, Marques, Metcalf, Morris, Robinaugh, et. al.,2013; Lewis, 2005; Brantley, 2005; Grossman, 2003)
• Disturbi digestivi connessi allo stress (Zernicke, Campbell, Blustein, Fung,Johnson, Bacon, & Carlson, 2013; Kabat-Zinn, 2003)
• Malattie della pelle (Kabat-Zinn, Wheeler, Light, Skillings, Scharf, Cropey, Hosmer, Barnhard,2003)
• HIV (Duncan, Moskowitz, Neilands, Dilworth, Hecht, & Johnson, 2012; Crepaz et al., 2008; Antony et al., 2006; Rutledge, 2005; Petrie et al., 2004)
• Diminuzione del minority stress in gay e lesbiche (Montano, Flebus,2009)

Come si svolge?
 Il corso si compone di otto incontri settimanali ( 14, 21, 28 marzo, 4, 11, 18, 26 aprile; 2 maggio) dalle 20 alle 22.30 e una giornata intera di sabato 22 aprile dalle 9.30 alle 17.30

Per iscriversi è necessario contattarci, o alla conferenza o via mail. Si ritengono iscritte le persone che avranno versato la caparra, le iscrizioni si accettano in base all’ordine di arrivo.

Vi aspettiamo e ci scusiamo in anticipo perchè i posti delle conferenze e quelli del corso saranno limitati visto il carattere esperienziale .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.