Rapporti….

In effetti è molto difficile avere un rapporto con qualcuno, in cui ci sia un contributo da entrambe le parti e dove ognuno si realizzi pienamente, un rapporto in cui l’altro sia il luogo che apre la dimensione stessa dove tutto si dà e si mostra, si orienta e si rappresenta, e sia così la cosa più vicina di una prossimità preliminare a ogni spazialità. Un’esperienza simile è evidentemente una delle meraviglie che è dato all’uomo di poter vivere. Incontrare un altro uomo. Non un’ombra di se stesso, un numero, ma un Altro.
(F. Midal, “Conferenze di Tokyo. Martin Heidegger e il pensiero buddista”, ed. O barra O, Milano, 2013 – Citato nella conferenza “UNA VITA PER IL DIALOGO: DIALOGO IDENTITA’ E ARRAZIONE” del Dott. Gabriele Nardi del 22 ottobre 2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.