“Il riflesso muscolare del ki”

“[…] Curando un gran numero di pazienti, il dottor Yayama ha acquisito una visione particolare del corpo. Egli vede più strati di aura intorno al corpo, come ci ha mostrato durante il nostro primo incontro. In base alle loro deformazioni, egli fa una diagnosi secondo la medicina occidentale e cinese. Poiché ha uno spirito logico e creativo, ha inventato numerosi strumenti.
Dapprima ci ha interessato quello che lui chiama <<il riflesso muscolare del ki>>. Egli applica il metodo dell’o-ring test, messo a punto dal dotto Ohmura, che consiste nel formare un anello (ring) con il pollice e l’indice e nel mantenere questo cerchio con una forza costante. Il partner, formando anche lui un cerchio con il pollice e l’indice di ogni mano, tenta di aprire il vostro cerchio. Quando il ki
(energia) circola in senso positivo, la vostra forza aumenta e, quando il ki circola nell’altro senso, la vostra forza diminuisce. Se fate questo test tenendo nell’altra mano un pacchetto di sigarette, per esempio, potrete constatare che la forza delle dita diminuisce poiché il partner apre il vostro cerchio più facilmente di prima.
[…] Se prendiamo un oggetto negativo per noi, per esempio delle sigarette, questo frena la nostra vitalità perché la circolazione del ki diminuisce immediatamente; ma non percepiamo coscientemente questo cambiamento; i muscoli, invece, rispondono subito, diminuendo la loro capacità di contrazione. Grazie a questo, possiamo scoprire ciò che è buono o cattivo per il nostro corpo. Attraverso questo metodo possiamo scegliere gli alimenti o gli oggetti buoni per la nostra salute. […]”
(Kenji Tokitsu, La ricerca del Ki)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.