Disidentificazione e Realizzazione

E dopo un po’ di pausa da matrimonio riprendo con le citazioni sulla pratica della presenza e l’essenza . Questo spazio nasce dalla passione di scoprire chi sono, chi siamo al di la delle varie forme con cui ci manifestiamo e con cui ci identifichiamo.

Mentre si prosegue nel cammino si scopre sempre di più che chi sono è un’esperienza, è l’esperienza e chi fa l’esperienza .Quando nella pratica arriviamo a comprendere che noi non siamo i nostri programmi, i nostri schemi, non siamo la nostra storia, i limiti cambiano, i confini si espandono e un senso di fluire possibile si manifesta. In questo stato di consapevolezza viene meno quel bisogno di tener sotto controllo il nostro vivere attraverso le preferenze, o meglio attraverso il rifiuto dell’esprienza, e ciò che diventa importante è la consapevolezza che io sono chi fa esperianza, non solo l’esperienza. A questo proposito Almaas scrive:“Una volta capito che siete la vostra essenza personale, quello che fate non importa più tanto. Scegliete ciò che migliora ed espande il vostro vero sé, perché non ci potrà mai essere un vero senso di realizzazione, se non realizzate la parte essenziale di voi stessi, niente può sostituirla”. Realizzare chi siamo non è un punto di arrivo ma di partenza . Nei prossimi post parleremo anche di come arrivarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.