Archivio mensile:giugno 2015

Preghiera di meditazione

Possano tutti gli esseri avere pace e felicità
Possano tutti gli esseri liberarsi dall’ignoranza,
dai desideri, dalle avversioni.
Possano tutti gli esseri liberarsi
dalla sofferenza, dal dolore, dai conflitti.
Possano tutti gli esseri riempirsi di infinita
amorevole gentilezza ed equanimità.
Possano tutti gli esseri raggiungere
la completa illuminazione

(Preghiera di meditazione – Tiziano Terzani – Un indovino mi disse)

Segui regole semplici

Fratello mio, segui regole semplici come sono semplici queste pietre, questa neve e questo sole che ci benedice……porta la pace in te e portala agli altri!
Ricorda che è necessario andare avanti nella storia, e che è necessario imparare a ridere e imparare ad amare….
A te fratello mio, lancio questa speranza, questa speranza di allegria, questa speranza d’amore perché tu elevi il tuo cuore, ed elevi il tuo spirito, e perché non dimentichi di elevare il tuo corpo

(Il Messaggio di Silo)

Giovedì 2 luglio – Meditazione del Plenilunio – Ingresso gratuito – Prenotazione obbligatoria

Giovedì 2 luglio – Meditazione del Plenilunio – Ingresso gratuito
presso il Centro di Psicoterapia e Crescita Umana, via Marsala 11 – Firenze Ore 19,30

Meditazione per entrare in contatto con l’energia dei Maestri di Luce

Meditazione introdotta e condotta da Massimiliana Molinari

orario: dalle 19,30 alle 20,30 circa

Si consiglia un abbigliamento comodo e nella sala di meditazione si accede senza scarpe.

Posti limitati

Info e prenotazione: massimilianamolinari@gmail.com / roberto.diferdinando@tin.it – 3396788142/3339728888

Non c’è medicina contro certi malanni……

La storia di questo viaggio non è la riprova che non c’è medicina contro certi malanni e che tutto quel che ho fatto a cercarla non è servito a nulla. Al contrario: tutto, compreso il malanno stesso, è servito a tantissimo. E’ così che sono stato spinto a rivedere le mie priorità, a riflettere, a cambiare prospettiva e soprattutto a cambiare vita. E questo è ciò che posso consigliare ad altri: cambiare vita per curarsi, cambiare vita per cambiare se stessi. Per il resto ognuno deve fare la strada da solo. Non ci sono scorciatoie che posso indicare. I libri sacri, i maestri, i guru, le religioni servono, ma come servono gli ascensori che ci portano in su facendoci risparmiare le scale. L’ultimo pezzo del cammino, quella scaletta che conduce al tetto dal quale si vede il mondo sul quale ci si può distendere a diventare una nuvola, quell’ultimo pezzo va fatto a piedi, da soli.
(Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra)

Sii la preghiera….

Sii la preghiera. Permetti e impegnati in una pulizia profonda. Trova la tua vera identità dentro di te. Sii onesto, aperto e corretto con te stesso. Impara l’autocontrollo. Impara a contenere la tua energia e a non disperderla. Coltiva la soddisfazione interiore. Se c’è una scelta, scegli il positivo. Identifica il tuo destino e servilo. Coltiva il carattere, l’impegno e la grazia. Equilibra te stesso, così non avrai bisogno di essere compensato dall’esterno. Abbandona la manipolazione e il controllo. Quando vuoi qualcosa, sii chiaro, chiedi, mantieniti calmo e lascia che arrivi. Sviluppa una mente meditativa per saper aspettare e vedere cosa ti arriva. Sviluppa una relazione con il divino che abita e respira in te.”
(Yogi Bhajan)

“Che cos’è la mediocrità?……”

Che cos’è la mediocrità? Mediocrità è un modo d’essere in cui le aspirazioni e gli aneliti verso i valori e i significati più elevati dell’esistere sono soppressi o latenti.
Mediocrità non è ciò che è nella media bensì il conformarsi alla media nell’assenza di desiderio, aspirazione e anelito per i valori e i significati più elevati dell’esistere.
Dato che nessun essere umano è nato con un desiderio intrinseco d’essere mediocre ma, al contrario, con il desiderio e l’aspirazione alla grandezza, la persona mediocre deve giustificare o ignorare la sua mediocrità per convivere con essa e con se stesso.
Ciò vuol dire che deve vivere una vita che è falsa e senza integrità disconnessa dai suoi desideri e le sue aspirazioni più profonde

(Yasuhiko Genku Kimura – tratto dal libro “Senza maschera di Avikal E. Costantino)