“A tutti gli effetti abbiamo due menti, una che pensa, l’altra che sente”

A tutti gli effetti abbiamo due menti, una che pensa, l’altra che sente.
Queste due modalità della conoscenza, così fondamentalmente diverse, interagiscono per
costruire la nostra vita mentale. La mente razionale è la modalità di comprensione della quale
siamo solitamente coscienti: dominante nella consapevolezza e nella riflessione, capace di
ponderare e di riflettere. Ma accanto ad essa c’è un altro sistema di conoscenza – impulsiva e
potente, anche se a volte illogica, c’è la mente emozionale. La dicotomia emozionale/razionale è
simile alla popolare distinzione fra “cuore” e “mente”; quando sappiamo che qualcosa è giusto
“con il cuore” la nostra convinzione è di un ordine diverso – in qualche modo è una certezza
più profonda – di quando pensiamo la stessa cosa con la mente razionale. Il rapporto fra
razionale ed emozionale nel controllo della mente varia lungo un gradiente continuo; quanto
più intenso è il sentimento, tanto più dominante è la mente emozionale – e più inefficace
quella razionale. Questa situazione sembra derivare dal vantaggio evolutivo, affermatosi nel
corso di tempi lunghissimi, rappresentato dall’essere guidati dalle emozioni e dalle intuizioni
quando sia necessaria una reazione immediata in un contesto di pericolo – circostanze nelle
quali indugiare a pensare sul da farsi potrebbe costarci la vita.
Nella maggior parte dei casi, queste due menti, l’emozionale e la razionale, operano in grande
armonia e le loro modalità di conoscenza, così diverse, si integrano reciprocamente per
guidarci nella realtà. Di solito c’è un equilibrio fra mente razionale ed emozionale; l’emozione
alimenta e informa le operazioni della mente razionale, mentre questa rifinisce e a volte
oppone il veto agli input delle emozioni. Tuttavia, la mente emozionale e quella razionale sono
facoltà semiindipendenti: ciascuna di esse, come vedremo, riflette il funzionamento di circuiti
cerebrali distinti sebbene interconnessi.
Spesso – forse quasi sempre – queste due menti sono perfettamente coordinate; i sentimenti
sono essenziali per il pensiero razionale, proprio come questo lo è per i sentimenti. Ma quando
le passioni aumentano d’intensità, l’equilibrio si capovolge: la mente emozionale prende il
sopravvento, travolgendo quella razionale.
(Daniel Goleman – Intelligenza emotiva)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.