Conoscenza di Sé (Gibran Khalil Gibran)

“E un uomo disse: Parlaci della Conoscenza di Sé. Ed egli rispose, dicendo:
I vostri cuori conoscono in silenzio i segreti dei giorni e delle notti.
Ma le vostre orecchie hanno sete del suono della conoscenza del vostro cuore.
Voi vorreste conoscere in parole quello che voi avete sempre conosciuto in pensiero.
Voi vorreste toccare con le vostre dita il corpo nudo dei vostri sogni.
Ed è bene che sia così.
La nascosta sorgente della vostra anima deve necessariamente sgorgare e affluire mormorando al mare;
E il tesoro delle vostre infinite profondità sarebbe rivelato ai vostri occhi.
Ma fate che non vi sia bilancia a pesare il vostro ignoto tesoro; E non indagate le profondità della vostra conoscenza con asta graduata o scandaglio.
Poiché il sé è un mare sconfinato e smisurato.
Non dite: «Io ho trovato la verità», ma piuttosto: «Io ho trovato una verità».
Non dite: «Io ho trovato il sentiero dell’anima». Dite piuttosto: «Io ho incontrato l’anima in cammino sul mio sentiero».
Poiché l’anima cammina su tutti i sentieri.

L’anima non cammina su una linea, né cresce come una canna. L’anima espande se stessa, come un loto dagli innumerevoli petali”.

dal libro “Il profeta” di Kahlil Gibran (Gibran Khalil Gibran)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.